Menu

Bruciano l’auto sotto casa sventata l’esplosione

Fonte, momenti di paura per un incendio appiccato nella notte in via Lastego Le vittime: «Abbiamo visto una lingua di fuoco che raggiungeva la vettura»

FONTE. Auto in fiamme in via Lastego a Fonte, l’altra notte: c’è l’ombra del dolo. Danni ingentissimi, sventato fortunatamente il rischio di un’esplosione. L’auto, una Golf con impianto a gpl, è andata completamente distrutta. Le fiamme altissime hanno divorato i vestiti che erano stati stesi sulla terrazza del primo e secondo piano del condominio dove risiede la famiglia, di origine marocchina, proprietaria dell’auto. Ma per fortuna hanno risparmiato alcune bombole di gas poggiate nel cortile. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco di Castelfranco che hanno dovuto lavorare oltre un’ora per spegnere del tutto il rogo.

Sulla dinamica dell’incendio sono scattate le indagini da parte dei carabinieri che stanno seguendo in particolare la pista del dolo, grazie anche alla testimonianza delle vittime che hanno visto l’auto andare a fuoco. E alla scia lasciata dal combustibile bruciato. Dietro al gesto potrebbero esserci dei dissapori per questioni personali.

Da 4 anni la famiglia Btissam, originaria del Marocco, composta da mamma, papà, 3 figli ancora piccoli e alcuni parenti, vive in via Lastego. Come d’abitudine l’auto anche mercoledì era stata parcheggiata nel piccolo giardino di casa. «Rientrato dal lavoro mio marito ha parcheggiato come fa sempre», racconta la proprietaria, Rihani Btissam, «poi è entrato in casa e non si è più mosso da li». Poco dopo la mezzanotte di mercoledì marito e moglie avvertono alcuni rumori provenire dall’esterno. «Il cancello lo avevo chiuso rientrando», continuano i proprietari, «quando abbiamo sentito dei rumori ci siamo affacciati subito e dalla terrazzina abbiamo visto una scia di fuoco che partiva proprio dal cancello, che era stato aperto probabilmente da qualcuno, e si dirigeva verso la macchina». La coppia senza perdere tempo ha allertato subito il vigili del fuoco mentre con alcuni parenti si sono precipitati in giardino cercando di spegnere il rogo. Con il cuore in gola però hanno aspettato l’arrivo dei pompieri mentre la lingua di fuoco stava divorando già tutto quello che incontrava nel suo passaggio. Sono stati attimi di paura quando le fiamme hanno avvolto l’auto che ha l’impianto a gpl sfiorando tre bombole del gas che si trovavano accanto al mezzo. All’arrivo tempestivo dei vigili del fuoco la situazione era da crepacuore. Fortunatamente i pompieri sono riusciti ad evitare l’esplosione sia della Golf che delle

bombole che sono state subito messe al sicuro. Intanto, mentre la macchina continuava a bruciare, le fiamme altissime sono riuscite a divorare i vestiti stesi sulle terrazze. «Nessuno per fortuna si è fatto male», continua Btissam, «è stato terribile: tutto è successo davanti ai nostri occhi».

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro