Menu

Inseguimento nella notte Trovata l’auto degli scassi

Due banditi scappano fra i campi e lasciano la Golf con gli attrezzi del “mestiere” Sequestrati piedi di porco, coltelli e mazze: sventata un’altra ondata di furti

GIAVERA. Grazie alla segnalazione di un residente sventata una probabile ondata di furti da parte di una banda composta da un paio di persone che in macchina aveva un armamentario per scassinare porte e finestre.

I due, inseguiti dalle macchine dei carabinieri, ad un certo punto, hanno abbandonato la macchina e sono scappati a piedi tra stradine e campi. Nelle mani dei carabinieri sono rimasti gli attrezzi da scasso che avevano con loro. L'altro ieri c'era in programma uno spiegamento di forze in funzione preventiva di furti e rapine. A mettere in allarme i carabinieri su una vettura sospetta è stato un cittadino di Giavera.

Aveva notato una Golf che aveva percorso alcune volte una strada in zona residenziale. Evidentemente era un giro di perlustrazione per individuare gli obiettivi. E' riuscito a tirare giù i numeri di targa senza farsi notare, ha telefonato ai carabinieri per segnalare questa macchina sospetta e dare la targa. Al terminale i carabinieri di Montebelluna hanno visto che si trattava di una Golf che era stata rubata il giorno prima a Susegana.

A quel punto è scattato l'allarme e nella zona tra Giavera, Nervesa, Arcade e Povegliano sono stati intensificati i controlli per cercare di intercettare la vettura. Cosa che è riuscita in serata lungo la strada che da Giavera porta ad Arcade. Come i due a bordo della Golf hanno visto la macchina con le insegne dell'Arma hanno accelerato e si sono dati alla fuga indirezione di Arcade, con la macchina dei carabinieri che li tallonava. La Golf in fuga e la pattuglia dei carabinieri dietro, percorsa tutta via Fanti d'Italia e arrivati in centro ad Arcade i due a bordo della Golf hanno girato verso Povegliano a tutto gas, ma, ad un certo punto, si sono visti venire incontro un'altra macchina dei carabinieri, si sono buttati allora nel primo vicolo che hanno trovato, hanno bloccato la vettura, sono scesi di corsa e se la sono data a gambe per viuzze e campi. I carabinieri hanno cercato di inseguirli, ma nel buio li hanno persi di vista ben presto. Hanno battuto poi in lungo e largo la zona, mentre la gente che era in casa, vedendo tale spiegamento di forze, si affacciava alle finestre e chiedeva se poteva uscire o c'era pericolo. Alla fine nessuna traccia dei due, ma è rimasta nelle mani dei carabinieri la macchina con all'interno piedi di porco, cacciaviti, un tronchese, coltello multiuso, passamontagna, cacciaviti, mazze, torce, insomma

tutto l'armamentario per fare un raid di furti. Sventati. Ma qualcosa è stato ugualmente messo a segno l'altra sera: a Ponzano in una abitazione, dopo aver forzato una porta-finestra, i ladri hanno fatto razzia di monili e contanti per un bottino di 5mila euro.

Enzo Favero

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro