Menu

salgareda

Il cardinale Poletto riabbraccia i suoi fedeli

SALGAREDA. Il cardinale Severino Poletto, vescovo di Torino nominato nel 1999, è tornato nella sua terra d’origine per incontrare i fedeli, i familiari e soprattutto per festeggiare la cugina...

SALGAREDA. Il cardinale Severino Poletto, vescovo di Torino nominato nel 1999, è tornato nella sua terra d’origine per incontrare i fedeli, i familiari e soprattutto per festeggiare la cugina Elisabetta Marcuzzo che compie 100 anni. Ieri sera il cardinale Poletto ha celebrato la messa nell’antica chiesa di San Nicolò, fondata dai monaci benedettini, dove da ragazzo Severino Poletto aveva iniziato a frequentare le celebrazioni religiose, la messa ed il catechismo. La famiglia Poletto, originaria di Salgareda abitava in una grande casa rurale situata vicina alla parrocchia di San Nicolò, prima di trasferirsi in Piemonte. Severino Poletto nei momenti liberi dallo studio aveva sempre aiutato la famiglia anche nei lavori dei campi. Anche per questo è sempre stato amato e ricordato dai suoi conterranei. Ieri la messa, celebrata a San Nicolò. Oggi alle ore 11 la messa sarà celebrata a Salgareda dove il cardinale è ospite del parroco don Geremia. Seguirà il pranzo comunitario con le autorità ed i parrocchiani di Salgareda, San Nicolò e Ponte di Piave. Poi il cardinale Poletto si recherà a festeggiare la cugina Elisabetta che compie 100 anni e risiede ad Annone Veneto, e la sorella Severina

che abita a Barco. Il sindaco di Ponte di Piave, Roberto Zanchetta, aveva annunciato l’arrivo di Severino Paletto, cardinale dal 21 febbraio del 2001, a San Nicolò e Salgareda nel corso dell’ultima seduta di consiglio comunale in municipio a Ponte.

Giuseppina Piovesana

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro