Quotidiani locali

Tumore al seno, il primo corso per infermieri-tatuatori

Cancro, a Treviso il primo corso nazionale per formare una nuova figura professionale. Infermieri-tatuatori per il benessere estetico delle donne operate di tumore al seno

TREVISO

Infermiere-tatuatrici per aiutare le donne a ritrovare, oltre al benessere fisico anche quello estetico dopo un intervento di asportazione del cancro al seno. Nasce a Treviso una nuova figura professionale grazie a un corso, il primo in Italia, voluto dall’Usl 9, dal Centro di Senologia e dalla Lilt . L’iniziativa partirà nei prossimi mesi.

Il tatuaggio per nascondere le cicatrici causate dal tumore al seno rientra nel progetto nella Marca e nato da una collaborazione tra Lilt, Centro di senologia di Treviso e da Rita Molinari, tatuatrice professionista del settore. Lo scopo è di far riacquistare alle donne operate di tumore, in particolare al seno, la serenità con il proprio corpo. Il 45% delle trevigiane, che vengono colpite da tumore al seno, subisce un intervento chirurgico di mastectomia e di ricostruzione immediata. «Diamo la possibilità alle donne di tornare a sentirsi bene con il proprio corpo - dice Alessandro Gava, presidente della Lilt Treviso - Siamo contenti di poter aiutare le pazienti a ritrovare un po' di serenità e dare loro degli spazi dove sentirsi capite, curate e sostenute anche dal punto di vista estetico». Il sistema più diffuso per ricostruire il complesso areola capezzolo avviene in anestesia locale: viene prelevato un pezzo di pelle dall'inguine che viene innestato per ricostruire il seno. Ora c'è anche l'opzione del tatuaggio estetico per alleviare il disagio fisico della donna malata. «Con il tatuaggio si ottiene un grande risulato estetico - spiega Monica Baldessin, medico del centro di senologia trevigiano - Inoltre permette di ottenere il minimo di invasività». La tecnica del tatuaggio estetico in campo medico non è ancora molto diffusa in Italia per due motivi: in primis non è prevista nel tariffario del servizio sanitario nazionale e poi manca la normativa sui tatuatori che devono essere professionisti della dermo pigmentazione accreditati. A questo proposito partirà, proprio dalla Marca, il primo corso a livello nazionale di tatuaggio estetitico su donne malate di tumore: 6 giornate dedicate alla formazione di figure professionali che possano operare nel campo. Il corso sarà riservato alle infermiere, ed eventualmente ad estetiste professioniste. «Vogliamo che un tatuaggio di questo tipo sia fatto da professionisti- dice Nicola Balestrieri, responsabile del Centro di senologia - Non vogliamo che nessuno si improvvisi tatuatore o che approfitti della situazione». Il corso servirà anche per raccogliere fondi di autofinanziamento.

Nel 2010 la Lilt di Treviso firma un protocollo d'intesa con il centro di senologia: l'attività si svolge da un anno e mezzo e il protocollo prevede che il senologo e il chirurgo plastico selezionino le pazienti idonee al trattamento; dopodichè la situazione viene discussa anche con Rita Molinari. Il tatuaggio estetico, eseguito con protocollo

igenico operativo, non viene fatto solo sul seno: sono molte le trevigiane che si sono sottoposte al trattamento per disegnarsi le sopracciglia (cadute con la chemioterapia) e le labbra, private della forma dal tumore e cancellare così anche dal volto i segni della malattia che le ha colpite.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori