Menu

Stadio Tenni blindato, ultras bloccati a Preganziol

Partita a rischio scontri, alcol vietato dalle 12 alle 17: chiusi cinque bar e un negozio

TREVISO. Il giorno «X» è arrivato. Città blindata per il derby fra Treviso e Venezia e attimi di tensione a Preganziol dove gli agenti della questura hanno intercettato e fermato corriere e vagoni che stavano portando in città alcuni tifosi del Venezia non autorizzati.

Insulti, grida alle porte della città. Durissima l'opposizione dei supporter lagunari all'ordine di tornare a casa dato dai responsabili della Questura di Treviso. A causare il pugno di ferro scelto per gestire una partita giudicata "problematica", la storica rivalità tra tifoserie, per la quale si è deciso di rinfrescare i provvedimenti di ordine pubblico usati quando i biancocelesti militavano in serie B e serie A.

Misure anomale però per la categoria, la serie D, in cui oggi milita il Treviso. Su disposizione dell'Osservatorio del Viminale, infatti, ritenendo a rischio la partita alla luce dei precedenti fra le due tifoserie, Prefettura e Questura hanno deciso la chiusura del settore ospiti, vietando la vendita dei biglietti ai residenti della provincia di Venezia e di Mogliano.

I provvedimenti riguardano anche una vasta area attorno al Tenni. Circa 250-300 gli uomini delle forze dell'ordine, fra polizia, carabinieri, finanzieri e guardia forestale, dispiegati per il controllo dell'ordine pubblico.

E' stata disposta, inoltre, la chiusura anticipata del mercato cittadino prevista alle 12 (al fine di lasciare liberi i parcheggi di piazzale Burchiellati e piazza del Grano), mentre nel raggio di 250 metri attorno allo stadio, dalle 12 alle 17, sono state proibite vendita e somministrazione di bevande alcoliche.

Nella stessa area, una sorta di «zona rossa», un'ordinanza del Comune ha stabilito l'obbligo di chiusura per sei locali (cinque bar e un negozio di alimentari) collocati nelle vicinanze del Tenni: si tratta dei bar «Campana», «Oasi», «Biancoceleste» e dei locali in viale Bixio e via Ciardi. Non si potrà parcheggiare al Foro Boario e in via Commenda, oltre che nelle strade limitrofe, dove verrà effettuato anche il «prefiltraggio»: via Zenson di Piave, via Foscolo, l'incrocio fra via Siora Adriana del Vescovo e via Piave e il park del Foro Boario (dietro
il settore distinti).

Ma veniamo all'accesso allo stadio nella cosiddetta «fascia di sicurezza», dove le misure di prevenzione saranno le medesime del «Decreto Pisanu», tanto per intenderci, e a quanto si era soliti vedere, fino a un anno e mezzo fa, nel torneo cadetto.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro