Menu

Nonno travolge col camper
il nipotino di 16 mesi

Terribile tragedia ad Anzano di Capella Maggiore, dove un bambino

di un anno e quattro mesi è stato travolto e ucciso dal nonno, impegnato in una manovra in retromarcia, con il suo camper, nel cortile di casa.  Il piccolo, Daniele Peresano, sfuggito per un attimo alla sorveglianza di mamma Laura, 34 anni, è morto poco dopo il ricovero nell’ospedale di Vittorio.
Quando il nonno si è accorto del dramma , il bimbo era già finito sotto le ruote. Inutili i soccorsi Il piccolo è spirato poco dopo.
Per volere della famiglia sono stati donati gli organi e tessuti.
Urla di disperazione hanno richiamato il vicinato. Sono scattati i soccorsi. Lucia Da Ros, infermiera e vicina di casa, ha tentato di rianimarlo praticandogli il massaggio cardiaco. Poi è arrivata l’ambulanza dall’ospedale di Costa e l’elicottero del Suem.
Al momento della tragedia, in casa si trovava la mamma con l’altro fratellino Giovanni, 2 anni e mezzo. Stavo recuperando i bambini - racconta mamma Laura - fra i singhiozzi pochi minuti dopo la tragedia. «Mi è capitato davanti Giovanni per chiedere di andare in bagno. Non gli avevo messo il pannolino, lo stavo abituando ad andare in bagno da solo. E’ stato un attimo. Daniele è corso fuori dal nonno. E poi... E’ stato terribile. Era steso a terra con gli occhi sbarrati».
 Angelo Peresano, 40 anni, padre del piccolo, originario di San Daniele del Friuli, è stato avvertito della tragedia mentre si trovava al lavoro alla Permasteelisa di San Giacomo di Veglia dove lavora ai servizi generali. E’ subito accorso nella bella villetta a due piani dove vive con la moglie e i figli da quasi quattro anni. Ha sperato per qualche attimo che il suo adorato Daniele potesse salvarsi.
La salma del piccolo è stata composta nell’obitorio dell’ospedale di Vittorio Veneto a disposizione del magistrato Antonio De Lorenzi. Sul posto i vigili del fuoco, la polizia municipale di Cappella Maggiore e i carabinieri di Cordignano che
hanno confermato che si è trattato di un fatto accidentale, seppur terribile.
Il camper era partito dall’imbocco della rampa del garage e per procedere in avanti. A tradire nonno Ferdinando l’altezza del mezzo che non gli ha consentito di vedere il piccolo nipotino spuntato inaspettatamente.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro