Quotidiani locali

Il Calcio Treviso sceglie il mister Graziano o Pala

Il presidente Visentin: «Cristiano sarà riconfermato Ripescaggio in Eccellenza? Vorrà dire che tiferemo Istrana»

TREVISO. Calcio Treviso in stand by. È sempre in attesa di sapere il proprio destino, cioè in quale campionato giocherà la prossima stagione, e di iniziare gli attesi lavori di restauro e ristrutturazione dello stadio Tenni. Il vincitore del Trofeo Veneto come si sa parte in pole position tra i pretendenti al ripescaggio in Eccellenza, dove con una eventuale promozione dell’Istrana in serie D tramite i playoff si libererebbe un posto. «Vorrà dire che tiferemo Istrana» sorride il presidente Luca Visentin «a meno che non ci siano altre defezioni prima dell’inizio del campionato. In ogni caso siamo fiduciosi, uno spazio dovrebbe esserci ma, certo, se l’Istrana venisse promossa lo spazio sarebbe certo».

Allora avete già in mente di allestire un Treviso pronto per l’Eccellenza, non per la Promozione.

«Assolutamente sì. Ed una volta in Eccellenza punteremo a vincerla per andare in serie D».

Quindi farete un mercato di grande rafforzamento.

«Magari grande proprio no, diciamo almeno due-tre pedine, ma l’ossatura è già pronta».

E chi gestirà la squadra?

«È ancora da decidere. Quando sarà il momento parlerò con Cristiano Graziano, in linea di massima posso dire che sarà riconfermato».

Eppure gira voce che potrebbe esserci il ritorno di Alessio Pala.

«Potrebbe anche essere, vedremo».

Non risulta vi foste lasciati troppo bene.

«Ma quando mai, smentisco. E comunque in questo momento non escludo nessuno: il prescelto sarà chi mi darà le maggiori garanzie, dalla prossima settimana ci metteremo al lavoro. Prima sarà scelto il mister, poi con lui parleremo per rafforzare la squadra».

E se per caso si aprisse uno spiraglio in serie D?

«Sinceramente la vedo dura, in ogni caso la domanda la faremo, tanto non costa niente. Ovvio che ci sarebbe da lavorare di più, ma nell’eventualità vogliamo farci trovare pronti».

Passiamo alla questione stadio. Per avere in mano la sua gestione sembra ci sia una questione di polizze assicurative.

«Sì: il Comune ci ha chiesto le copie originali e noi appena le avremo tramite il corriere gliele manderemo: devono arrivare da Genova. Per il resto non manca nulla, le fidejussioni le abbiamo già consegnate».

E quindi i lavori quando inizieranno?

«Appena sarà tutto a posto,

se Dio vuole spero entro la fine del mese. E saranno parecchi: inizieremo con l’impianto di illuminazione, la messa in sicurezza dell’impiantistica, spogliatoi, le reti anti piccioni ecc. Vogliamo dare un po’ di lustro al Tenni, sarà sicuramente un’estate impegnativa». (s.f.)

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori