Quotidiani locali

Da Roverbasso alla A Svizzera: il sogno di Dulaj

CODOGNE’. Prima l’esperienza all’Ancona, poi al Chiasso nella Serie B svizzera ed ora allo Zurigo nel massimo campionato elvetico. Un sogno che si avvera per il “trevigiano” Adelajo Dulaj,...

CODOGNE’. Prima l’esperienza all’Ancona, poi al Chiasso nella Serie B svizzera ed ora allo Zurigo nel massimo campionato elvetico. Un sogno che si avvera per il “trevigiano” Adelajo Dulaj, centrocampista classe 1999 di Roverbasso (frazione di Codognè) ma originario di Valona in Albania. Cresciuto calcisticamente nel settore giovanile del Codognè e dell’Opitergina, si è poi trasferito al Prata Falchi Visinale, società pordenonese che milita nelle categorie dilettantistiche del Friuli Venezia Giulia. Dal 2016/2017 ha spiccato il volo tra i professionisti vestendo la casacca dell’Ancona. A distanza di una stagione, dopo un ottimo campionato con la società dorica, si è visto catapultato all'inizio dello scorso luglio nella B svizzera tra le file del Chiasso. Le buone prestazioni del giovane centrocampista, condite anche da un paio di reti, hanno fatto sì che Dulaj dal prossimo 8 gennaio vestirà i colori biancazzurri dello Zurigo in Super league, vale a dire il massimo campionato elvetico. Un’avventura che lo vedrà impegnato con la formula del prestito fino a fine stagione, in modo da giocarsi tutte le carte per ottenere una riconferma nel club biancazzurro che lo ha visionato negli ultimi mesi. Il 2018 appena cominciato riserva dunque una grande opportunità per questo ragazzo trevigiano d’adozione, ma anche un motivo
d’orgoglio per due sodalizi della Marca come Codognè e Opitergina, che nella prima fase della sua crescita calcistica lo hanno arricchito sul piano umano e tecnico, indirizzandolo verso un sogno che molti suoi coetanei non hanno potuto percorrere.

Alberto Zamprogno

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik