Quotidiani locali

Cardin e Busato entrano nel Club Olimpico

Karate. La lettera del Coni alla campionessa di Ponte di Piave e al 24enne di stanza a Castelfranco

TREVISO. Per due atleti il 2017 sarà certamente ricordato per la lettera ricevuta dal Coni alla vigilia di Natale nella quale si evidenzia il loro inserimento, assieme ad altri 153 atleti di varie federazioni e specialità, nei P.O. (probabili olimpici). «Sulla base dei criteri stabiliti dalla giunta nazionale del Coni attualmente in vigore, in vista dei prossimi appuntamenti Olimpici, Giochi invernali di Pyeongchang 2018 e Giochi estivi Tokyo 2020, sono stati aggiornati gli elenchi del Club Olimpico». Con questa frase inizia la lettera del Coni e quindi la nuova avventura verso le Olimpiadi di Tokyo 2020 dei campioni di Karate della Fijlkam, la trevigiana Sara Cardin per il kumite – 55 kg e il veneziano che si allena a Castelfranco Mattia Busato per il kata. Della stessa federazione sono stati inseriti anche la genovese Viviana Bottaro per il kata e il siciliano Luigi Busà per il kumite –75 kg.

Nella nota allegata il Coni precisa che gli atleti dovranno firmare una serie di impegni concernenti il rispetto delle norme etiche, morali, comportamentali e di adesioni alle attività del Coni, oltre alla borsa di studio della categoria Elite. Nella stessa categoria ci sono atleti del tiro con l’arco come Marco Gagliazzo, la squadra delle cicliste capitanate dalla Gaudenzi, poi Jessica Rossi nel tiro a volo: sono solo alcuni dei nomi dei P.O. che riceveranno la borsa di studio Elite. L’inserimento nell’elenco spetta ad atleti che hanno disputato le ultime Olimpiadi o a quelli designati dalla propria federazione con i criteri atti a partecipare alle selezioni per Tokyo 2020 è frutto dei risultati degli ultimi anni.

Mattia Busato, gruppo sportivo esercito, 24 anni, sesto nel ranking mondiale, ha conquistato a gennaio l’oro a squadre a Parigi, in aprile a Dubai oro a squadre e bronzo individuale, in maggio in Turchia un argento a squadre ed un bronzo individuale, in luglio partecipazione ai World Games a Wroclaw (Polonia), a novembre settimo posto a Okinawa (Giappone). Sara Cardin, trentenne del gruppo sportivo esercito, prima nel ranking mondiale all time nel kumite –55 kg, in marzo bronzo a Rotterdam (Olanda), in aprile per l’internazionale a
Rabat (Marocco) terzo gradino del podio, ad aprile ad Ostia Lido il 20° titolo italiano, a maggio argento agli europei svoltisi a Kocaeli (Turchia), a luglio bronzo ai World Games di Wroclaw, in ottobre argento nell’internazionale a Salisburgo (Austria).

Marino Silvestri

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik