Quotidiani locali

L’Istrana a Piove per il titolo d’inverno

Calcio Eccellenza. Domani Marchetti con il dubbio Niero, Perrone rischia Deinite

ISTRANA. Piovese-Istrana per il titolo di campione d’inverno. La sfida d’Eccellenza, in programma domani alle 14.30 a Piove di Sacco, mette a confronto prima e seconda in classifica separate da un punto. Chi ci arriva più in salute sono gli “avieri” di Marco Marchetti. Il pareggio di domenica scorsa con il San Giorgio Sedico ha interrotto una striscia di 6 successi consecutivi (quasi tutti di misura), a dispetto di una Piovese che ha perso tre delle ultime 4 gare complice un calendario difficile. Segni particolari della capolista: nessun pareggio e una difesa bucata già 23 volte. L’esatto contrario della rocciosissima Istrana, che pur avendo il quinto peggior attacco, vanta la miglior retroguardia con appena 8 gol subiti.

Chiudere l’andata al comando rappresenterebbe il punto più alto nella storia dell’Istrana. «A Piove sarà una partita da tripla, fatta di episodi e senza troppi calcoli: ora infatti nessuno pensa alla classifica perché c’è tutto il girone di ritorno da disputare. Ce la giocheremo», assicura il diesse gialloblù Renzo Bonato, che insieme al direttore tecnico Ruben Dartora non ha effettuato operazioni nel mercato invernale. «Nelle ultime stagioni abbiamo sempre avuto una squadra competitiva, quest’anno però siamo più solidi e pratici anche grazie ad una rosa più ampia. Siamo leggermente sopra le aspettative, ma speravamo comunque di trovarci dove siamo», conclude Bonato. Per mister Marchetti l’unico in dubbio è Niero a causa di un problema al ginocchio.

Nella Piovese del tecnico Carlo Perrone è data per certa l’assenza di Zoppelletto; da valutare Deinite (marcatore più prolifico con 7 centri) e Murano. Nel mercato di dicembre la società padovana ha ufficializzato tre cessioni (Masiero, Alessio e Stefani) e altrettanti acquisti: Scarpa dalla Vigontina, Nordio dall’Adriese e Bragagnolo dal Valdagno Vicenza. Domani al Vallini arbitra Poto di Mestre. La vicecapolista Istrana del presidente Fabio Marconato intende rimanere con i piedi per terra: basti pensare che un’eventuale
sconfitta potrebbe far precipitare i gialloblù al quinto/sesto posto qualora vincessero il Sandonà (a Sedico), l'Eclisse (a Porto Viro a porte chiuse), l’Union Pro (a Mogliano col Vittorio Falmec) e il Giorgione, di scena a Farra di Soligo con il Qdp.

Alberto Zamprogno

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik