Quotidiani locali

Came last minute, cinque vittorie sul filo

Futsal Serie A. Belsito sabato ha dato i tre punti a pochi secondi dal termine: «Ci alleniamo per gestire il finale di gara» 

CASIER. È un Came last minute quello che sta ai vertici della classifica della Serie A. Già cinque le vittorie sul filo di lana per i ragazzi di mister Rocha.

Sabato contro l’Italservice Pesaro la rete della vittoria è arrivata al 19’34’’, su un tiro di Pablo Belsito. Un’impresa a cui il Came non è nuovo. Già alla seconda di campionato contro il Milano Schiochet aveva portato la vittoria a 25 secondi dal termine, a Martina Franca contro il Cisternino con Vieira ad un minuto dal triplice fischio, contro la Feldi Eboli con Rangel ad un secondo dal termine, ed ancora contro il Kaos a 14’’ con Bellomo.

Ma andando a ritroso negli anni si scopre che nemmeno Pablo Belsito è nuovo ai gol decisivi a pochi secondi dal termine. Nel campionato 2008-2009 con lo Sporting Marca alla cui guida c’era Sylvio Rocha, a Montebelluna realizzò la rete del pareggio contro il Gruppo Fassina all’ultimo secondo.

«Nei nostri allenamenti ci prepariamo a giocare sia con l’uomo in più in attacco», spiega proprio Belsito, «ma anche prevedendo che l’avversario lo faccia. È inevitabile che possano esserci degli errori ed è quello che è capitato agli avversari che hanno sbagliato un passaggio, io ne ho approfittato rubando palla e, calciando dalla mia area, ho realizzato a porta vuota». Questo è il quarto anno a Dosson per Belsito, appena tornato dal campionato argentino (nel mercato è arrivato anche il portiere Massafra». «Mi trovo bene, sono arrivato adesso perchè con il Futsal Ferro, in argentina, siamo arrivati ai quarti di finale, ed ora sono prontissimo per dare un sostegno ai miei compagni vecchi e nuovi. Sono tutti giocatori di qualità, quindi l’intesa è stata semplice anche dopo solo una settimana».

Belsito per la prima volta è arrivato in Italia nel 2007, a Cadoneghe. «Appena arrivato avevo poca esperienza, pian piano sono cresciuto, passando varie società italiane e acquisendo quindi più esperienza. Ora gioco laterale con propensione ad andare avanti per dare un appoggio ai pivot. Ma mi piace anche fare i gol, come quelli di sabato scorso».
E sabato invece c’è il big match con la Luparense, sconfitta in casa dal fanalino di coda nell’ultima giornata. «Per loro è stato un infortunio dovuto alla stanchezza, tre partite della Uefa in pochi giorni. ma è una squadra con gradi campioni e l’incontro di sabato sarà una dura lotta».

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista