Quotidiani locali

Basso, gran finale d’anno Sarà al Memorial Bettega

Rally, il team Hmi per lo show di Bologna gli affida per la prima volta una Wrc «Spiace non aver corso in Toscana, ma così programmiamo al meglio il 2018»

CAVASO DEL TOMBA. La stagione 2017 di Giandomenico Basso si chiude con un nuovo inizio.

Il rallista di Cavaso del Tomba correrà il prossimo “Memorial Bettega” con una Hyundai i20 Wrc. L’evento all’interno del Motor Show di Bologna sarà la prima assoluta per Basso su una World Rally Car, auto che fino al 2016 erano le più performanti e veloci al mondo (dal 2017 nel Mondiale Rally corrono mostri da 380 cavalli: le Wrc 2016 ne hanno “solo” 320).

Lo Hyundai Motorsport Italia affiderà a Basso una vettura ex ufficiale, dal momento che nel 2014 è stata usata nel campionato del mondo dai tre piloti Hyundai.

«Per me sarà tutto nuovo, non sono mai salito su una Wrc», commenta il campione di Cavaso. Anche in questa stagione Giandomenico ha guidato una Hyundai NGi20 R5, la sorella minore dell’auto che guiderà alla rassegna automobilistica bolognese. Con l’R5 “Giando” anche quest’anno si è tolto parecchie soddisfazioni, vincendo con una gara d’anticipo il Tour European Rally (Ter).

Circostanza questa che ha consigliato alla Brc, il team di Cherasco (Cuneo) con cui Basso corre sin dal 2014, di non iscrivere il pilota trevigiano al Tuscan Rewind, ultimo appuntamento stagionale che si è corso fra giovedì e sabato scorsi sugli sterrati toscani, un tempo teatro delle prove del Rally di Sanremo mondiale.

Un fatto che ha un po’ contrariato lo stesso Basso: «Da un punto di vista sportivo è una scelta discutibile non partecipare all’ultima gara del campionato, ma questo ci aiuterà sicuramente a costruire il programma per la prossima stagione. È inutile nasconderci: il fattore economico è determinante soprattutto in un settore costoso come il motorsport», conclude il pilota di Cavaso.

Al termine della gara (che, per la cronaca è andata a Lorenzo Bertelli su Ford Fiesta Wrc), Giandomenico Basso e il suo navigatore Lorenzo Granai sono stati premiati per aver portato a casa l’edizione 2017 del Ter, vincendo due delle cinque gare corse.

La stagione 2017 per loro è stata sicuramente positiva: dopo la partecipazione di Basso e del veneziano Simone Scattolin al Rally di Montecarlo, il duo Basso-Granai ha dovuto prendere confidenza con la i20 R5, per loro del tutto nuova. Nonostante questo, i due hanno vinto la prima gara in Romania e hanno lottato sempre al vertice, anche dove (Ypres e Liezen) si sono trovati di fronte protagonisti di assoluto rilievo come il belga Thierry
Nueville, ufficiale Hyundai, e Kevin Abbring, ufficiale Peugeot. Ma i programmi per il 2018 non sono ancora chiari: «Di solito si inizia a parlare di programmi futuri solo a inizio dicembre» dice “Giando”. Il suo sogno è quello di correre ancora in Europa

Niccolò Budoia

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon