Quotidiani locali

volley champions league 

Imoco, i pericoli nell’urna da evitare Mosca e Istanbul

CONEGLIANO. Con l’ultimo turno preliminare, si è completato il quadro delle partecipanti all’edizione 2017-18 della Cev Championas League, che dal prossimo 12 dicembre, vedrà ai nastri di partenza 16...

CONEGLIANO. Con l’ultimo turno preliminare, si è completato il quadro delle partecipanti all’edizione 2017-18 della Cev Championas League, che dal prossimo 12 dicembre, vedrà ai nastri di partenza 16 squadre che saranno suddivise in quattro gironi. Dai preliminari, sono state promosse, insieme all’Imoco vice campione d’Europa uscente, le turche del Vakifbank Istanbul, ex squadra di Kimberly Hill, campionesse d’Europa nella finale di aprile giocata al Palaverde proprio contro l’Imoco, squadra allenata dall’italiano Giovanni Guidetti e nella quale milita l’ex gialloblù Kelsey Robison, e la cinese Zhu, le polacche del Developres Rzeszow, che in panchina hanno l’italiano Lorenzo Micelli e in sestetto l’ex bustocca Heléne Rousseaux, e le bulgare del Maritza Plovdiv. L’Imoco non sarà nella compagnia delle teste di serie, che invece contempla le squadre che hanno vinto i rispettivi campionati nazionali. Per l’Italia, che nella massima competizione europea presenta due squadre, alla voce testa di serie c’è la Igor Gorgonzola Novara, che dunque potrebbe essere una delle possibili avversarie delle Pantere nella fase a gironi. Per qualificarsi è necessario vincere il girone o essere tra le due migliori seconde. Dalle final six usciranno le tre squadre che contenderanno il trofeo alla quarta già qualificata in quanto organizzatrice dell’evento (l’anno scorso fu proprio l’Imoco). Sulla strada delle pantere potrebbe esserci una squadra turca, e nell’urna, oltre al nome del VakifBank, ci sono anche i nomi di Fenerbahce e Galatasaray, che nella stagione 2013-14, tenne a battesimo l’Imoco alla sua prima partecipazione nella massima competizione europea. Un esordio positivo che vide l’Imoco imporsi al Palaverde per 3-2. Fra i top team, vanno sicuramente annoverate le zarine della Dinamo di Mosca, che nella scorsa edizione della Cev Champions League, hanno trovato sulla loro strada prima la Liujo Nordmeccanica Modena, prima nel girone dell’Imoco, e poi, nella semifinale del Palaverde proprio l’Imoco.

Altro sestetto da evitare è il Chemik Police, ex squadra della palleggiatrice Asia Wolosz. Ma il coach Daniele Santarelli ha già chiarito
la sua posizione sul sorteggio: «dobbiamo vincere con tutte, quindi poco cambia. È più importante avere trasferte brevi». E dunque carta geografica in mano, meglio evitare Mosca, Kazan, Istanbul,Blaj in Romania e le polacche: Lodz, Chemik Police, Rzeszow.

Marco Guerrato

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista