Quotidiani locali

Basso in Svizzera per il titolo europeo

Il pilota al Rallye du Valais può chiudere i giochi da oggi: gli è sufficiente arrivare davanti al rivale belga Bernd Casier

CAVASO DEL TOMBA. «Partiamo per vincere il campionato». Giandomenico Basso non è un tipo abituato a nascondersi. E non lo fa neanche alla vigilia del Rallye du Valais, penultimo appuntamento del Tour European Rally (Ter) in programma da oggi a sabato nel suggestivo scenario delle Alpi svizzere. Al momento, Basso guida la classifica del campionato con 34 punti di vantaggio sul belga Bernd Casier: per essere certo della vittoria, “Giando” dovrà arrivare primo fra gli equipaggi che gareggiano e che prenderanno punti ai fini del Ter, o comunque dovrà arrivare davanti al rivale di campionato.

Lo stesso Basso sa che la vittoria assoluta non sarà facile da agguantare: oltre ad alcuni forti piloti locali, fra cui spiccano i nomi di Olivier Burri (Skoda Fabia R5), già vincitore per 8 volte di questo rally, e Sebastien Carron (Ford Fiesta R5), andranno all’assalto della gara svizzera il talento sudcoreano Chewon Lim (Hyundai i20 R5), il ceco Jaroslav Orsak (Ford Fiesta R5) e soprattutto Kevin Abbring, ex pilota ufficiale Hyundai ed oggi ufficiale Peugeot, che da oggi a sabato guiderà una Ford Fiesta R5. «Noi cercheremo di sicuro di vincere la gara, ma se vedremo che non riusciremo a salire sul gradino più alto del podio il nostro obiettivo diventerà la vittoria del campionato», spiega Basso. Quella svizzera è una gara che ha già affrontato due volte, quando gareggiava per il campionato europeo con la squadra ufficiale Fiat Abarth: la prima volta nel 2008, quando chiuse al quinto posto, e la seconda nel 2009, quando il secondo posto assoluto gli valse la matematica certezza del suo secondo titolo europeo.

«La presenza di così tanti campioni potrebbe andare a nostro vantaggio: anche se non vincessi, arrivando davanti a Casier sarei matematicamente campione». E se vari piloti togliessero punti al belga, potrebbe solo ringraziare. La strategia di gara sarà la stessa che Basso ha usato al rally di Madeira, una delle sue gare preferite: pur essendo partito per dominare la gara, quando la sua Hyundai i20 R5 ha iniziato a patire alcune noie elettriche ha alzato il piede ed ha badato a portare a casa più punti possibili.

Anche se Basso dovesse mancare il suo primo match point, nulla sarà irrimediabilmente compromesso. Dopo il Rallye du Valais, il Ter prevede il suo ultimo appuntamento in Italia, sulle
strade sterrate toscane del Tuscan Rewind (23-25 novembre). Una gara che si sviluppa su alcune delle strade percorse un tempo per il Rally di Sanremo valido per il Campionato Mondiale, oltre ad essere la gara di casa per Lorenzo Granai, il navigatore che accompagna Basso da 3 stagioni.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon