Quotidiani locali

Il Treviso gioca i jolly Portiere saracinesca e il terzino bomber

Calcio. Due uomini a sorpresa hanno risolto il derby Tunno ha parato tutto e De Marchi ha segnato un super-gol

TREVISO. Uno porta l’1, l’altro l’11. Gli estremi del Treviso sono quelli che gli hanno permesso di battere il PortoMansuè e di entrare a far parte del giro che conta in classifica. Danilo Tunno è portiere piemontese che, all’esordio, ha parato tutto, Giacomo De Marchi un terzino adattato ad esterno di centrocampo che ha risolto un match ostico con un gol meraviglioso. Dice Tunno, tesserato venerdì: «Ho aspettato l’occasione giusta per rilanciarmi: con il Treviso ci ho messo poche ore per firmare, anche se mai avrei pensato di scendere in Promozione, se non per una piazza come questa. Esordio migliore onestamente non potevo sognarlo. Sono qui di passaggio, come di passaggio dev’essere la categoria per questa società, l’obiettivo è crescere tutti assieme e tornare dove ci compete. Insomma voglio vincere il campionato ed un Treviso certo ti dà tanti stimoli: ogni tanto vado a vedere i miei amici in Promozione a Torino, ammetto che qua è tutta un‘altra cosa». In quella parata hai dimostrato bravura, un po’ di fortuna ed esperienza. «Beh, a 27 anni qualche partita l’ho giocata. Partire così era ciò che speravo, dovevamo vincere a tutti i costi. Fra l’altro il Tenni mi porta fortuna, ci avevo già giocato, campione d’Italia di D con Cuneo nel 2011 contro il Perugia».

De Marchi, ragazzo del ’99 di Castelfranco, dimostra di saper stare con i piedi per terra. «Felice di averla risolta io, m’è andata bene: non sapevo di metterla là. E grazie anche a Tunno che ci ha salvato in 2-3 occasioni. Volevamo tornare con la testa giusta in campionato, venivamo da un punto in due gare ed era una situazione che non meritavamo. Questo successo sulla capolista dev’essere per noi l’inizio di una grande stagione, ora abbiamo un atteggiamento totalmente diverso dalle prime partite, giochiamo con tenacia, aggrediamo ogni pallone. Ed attacchiamo come vuole il mister, significa che prima o poi il gol arriva». Vi siete accorti che in Promozione niente è scontato. «Già, la strada
è lunga, dovremo lavorare come stiamo facendo ora che i risultati cominciano a vedersi. Vincere il campionato non sarà facile, il PortoMansuè ci ha messo sotto ed ogni gara andrà affrontata con la mentalità giusta, ma siamo anche consapevoli delle qualità che abbiamo». (s.f.)

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista