Quotidiani locali

Rover, ritorno alle origini con l’Inter

Il trevigiano nerazzurro giocherà il triangolare di Motta dopo il ritiro con i big

ODERZO. La Primavera dell’Inter ha iniziato ieri la sua tre giorni nell’Opitergino Mottense con un allenamento di 2 ore circa condotto dal mister Stefano Vecchi nello stadio Opitergium di Oderzo. Un modo per la squadra di mettere a punto gli ultimi dettagli in attesa della ripresa del campionato, il 9 settembre, ma anche un’occasione per Matteo Rover, classe ’99 originario di Salgareda ma all’Inter da 3 anni, di riabbracciare la famiglia e gli amici prima di concentrarsi sulla prossima stagione. Rover, promettente ala destra, ha raggiunto i suoi coetanei dopo essere stato aggregato al ritiro di Brunico della prima squadra, durante il quale ha avuto modo di giocare con i campioni dell’Inter e di segnare anche un gol in amichevole. «È stata davvero una bellissima esperienza, coronata poi da quel gol», ricorda Matteo con orgoglio. Il sogno, che condivide con tutti i suoi compagni di squadra, è quello di arrivare in Serie A vestendo la maglia del Biscione. Ma per farlo sa che ci sono due qualità imprescindibili: «Umiltà e impegno», scandisce. Matteo tornava agli impianti sportivi di Oderzo dopo molto tempo. L’ultima volta vestiva la maglia degli Allievi della Liventina, la squadra che l’ha proposto al club di Milano. Oggi rivedrà il prato del Samassa di Motta di Livenza, dove l’Inter farà una serie di allenamenti. Domani dalle 16 giocherà nel trianolgare fra Inter, Liventina e Cjarlins Muzane. La primavera interista inizierà la stagione con le migliori intenzioni, come sottolinea il direttore del settore giovanile, Roberto Samaden: «Molti dei nostri ragazzi hanno già debuttato con la prima squadra in qualche amichevole, e molti vantano già presenze nelle loro Nazionali (fra cui Matteo Rover, 3 presenze con la nostra Nazionale U18, ndr): abbiamo ottime prospettive per la stagione». L’Inter è ormai un habitué fra gli stadi di Motta di Livenza e Oderzo, dal momento che la Liventina vanta una collaborazione con i nerazzurri. Il fatto che la dirigenza interista abbia deciso di tornare nell’Opitergino Mottense con la propria primavera è una testimonianza dell’eccellenza calcistica che ha prodotto
il territorio: «Le infrastrutture sportive di Liventina e Opitergina sono eccellenti, degne del passato e del presente di queste due formazioni», sottolinea Samaden. Due anni fa l’Inter aveva scelto proprio questi impianti per preparare le finali scudetto degli Allievi.



TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics