Quotidiani locali

serie b2 donne

L’Ezzelina subisce la legge di Salgareda. Codognè-Paese 3-0

TREVISO. Sabato di derby e sabato di vittorie per le due che giocavano in casa. Il primo derby ha riguardato la parte alta della classifica. Da una parte della rete il Volley Salgareda, che da un...

TREVISO. Sabato di derby e sabato di vittorie per le due che giocavano in casa. Il primo derby ha riguardato la parte alta della classifica. Da una parte della rete il Volley Salgareda, che da un anno e mezzo non perde in casa, dall’altra l’EzzelinaCarinatese, alla ricerca di punti da mettere nel proprio carniere. In mezzo proprio loro: i tre punti, cercati in tutte le maniere da entrambe le contendenti per continuare la propria corsa in classifica. Alla fine, nel derby tutto in salsa gialloblù, a spuntarla sono state le padrone di casa. Il Volley Salgareda, in una partita caratterizzata da decisioni arbitrali più o meno discutibili, impiega poco meno di un’ora e mezza prima di chiudere il conto con l’EzzelinaCarinatese. Una vittoria di rincorsa quella delle padrone di casa. Sotto nel primo parziale, anche di 6 (4-10), le padrone di casa hanno risalito la china, pareggiato il conto e poi superato le colibrì. Stesso copione anche negli altri due set, dove le ospiti, nel terzo, hanno spento la luce quando erano avanti 13-17. Finisce 3-0 con le gialloblù di coach Petrone a -1 da San Giovanni al Natisone, terza.

La corsa ai playoff continua. Nella pista di casa, il PalaBlu, la Spacciocchiali Vision opera il sorpasso nei confronti della Therm-is Orizzonti Paese. Le codognesi, nel secondo derby della giornata si impongono per 3-0 e salgono al ottavo posto. Una partita tirata e combattuta quella del PalaBlu, fatta di due set, il primo e il terzo tirati ai vantaggi. Un altro passo falso per le codognesi, avrebbe voluto dire zona rossa della classifica, tanto è corta nella parte bassa come nella parte alta esclusa la zona centrale, dove il settimo posto è lontano rispettivamente 7 e 9 punti. Primo set, dunque, giocato sul filo dell’equilibrio, con le padrone di casa che riescono a rompere l’equilibrio solo allo sprint: 26-24. Diverso il secondo parziale, dove i margini sono stati più larghi. Codognè la spunta facendo fermare

il tabellone sul 25-19. Il terzo set ha tutte le sembianze del primo. Un lungo tira e molla. Squadre appaiate, fino all’ultima curva. Si va allo sprint, e allo sprint, alla volata, dove a vincere, di solito, è chi prende meno aria: 26-24 per Codognè e tre punti in tasca.

Marco Guerrato

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie