Vegni pensa a un Giro della Grande Guerra

Dibattito Tuttobici-Euromobil a Pieve. Il grande capo della corsa rosa cova una partenza da Venezia

    «Al di là dell'Expo, il Giro 2015 sarà dedicato all'Italia e ricorderà anche i 100 anni dalla Grande Guerra. Non si potrà, in tal senso, non toccare il Veneto: la provincia di Treviso, ciclisticamente, va per la maggiore. C'è comunque un progetto più ampio legato alla prima guerra mondiale, dal 2015 al '18: bisognerà valutare sostenibilità e disponibilità del territorio». Mauro Vegni, direttore del Giro, ragiona già sull'edizione 2015, ma anche su quelle successive. E' stato l'ospite principale dell'annuale dibattito promosso dal mensile Tuttobici e patrocinato da Euromobil. Ma a Pieve di Soligo sono intervenuti anche noti organizzatori: il bellunese Renzo Minella, il tandem vicentino Pasqualin-Nicoletti e il friulano Enzo Cainero (mister Zoncolan), accompagnato dall'amico Edy Reja, già tecnico di Treviso, Napoli e Lazio («Quest'anno sono caduto tre volte, ma la bici non l'abbandono. E la carriera di allenatore? Mah», scherza). In sala pure Walter Brunello per la frazione di Cima Grappa del prossimo anno. Vegni è abbottonato, ma qualcosa rivela. Interviene sulla proposta di Pedali di Marca incentrata sulla Grande Guerra («Vedremo se le idee diventeranno fatti»), non esclude un futuro gran finale nel Trevigiano e nemmeno una replica ravvicinata a Vittorio Veneto («Ci andremo già nel 2014, ma...»). Di sicuro, sta pensando a una Grande Partenza da Venezia: «Magari una kermesse al Lido o una sorta di riproposizione della tappa con le passerelle inventata da Torriani». Idea che potrebbe diventare realtà in un'edizione incentrata sulle isole: «Sicilia e Sardegna, ma non solo. C'è qualche difficoltà logistica, ma potremmo arrivarci fra 3-4 anni». Nel cassetto, ha qualcosa come 100 candidature fra '15 e '18: «Il Giro gode di buona salute. Tantissime richieste per la partenza: oltre a Venezia, Milano e Torino. Lo start 2015 sarà italiano». Ma speciale sarà anche il Giro numero 100, previsto nel '17. Non mancano le suggestioni estere: «M'ispira New York, un'ipotesi che mi stuzzica. Si sono fatte avanti Vienna e la Svezia. Persino il Montenegro, che nel '16 festeggerà il decennale dall'indipendenza». Pasqualin ha svelato invece un possibile arrivo della corsa rosa 2015: «Ci piacerebbe portare il gruppo alla Madonna di Monte Berico, disegnando una tappa più dura dell'ultima».

    Mattia Toffoletto

    16 novembre 2013

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Carrè di agnello agli asparagi e pistacchi

    Altri contenuti di Sport

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ