Menu

Uc Trevigiani: cento anni di emozioni

Ciclismo: passerella di campioni vecchi e nuovi per la storia del team raccontata in un libro

Cento anni di emozioni per la Unione Ciclisti Trevigiani che ieri ha celebrato la prima tappa per l’evento della società più vecchia d’Italia. Una passerella senza precedenti all’auditorium della Provincia all’ex S.Artemio che non è sfuggita al prefetto Aldo Adinolfi, abituato alle platee: «Qui non avevo mai visto così tanta gente. È perfino in piedi!». La Trevigiani accompagna la storia del nostro paese, eppure la bicicletta non è cambiata: due ruote e la catena che la muove. Se l’è presa per mano 18 stagioni or sono Remo Mosole che di anni ne ha compiuti 79, il 16 gennaio. È stato patron Remo - ribattezzato da Giancarlo Gentilini “il doge della città di Treviso” - il gran cerimoniere che, commosso, ha iniziato a sciorinare i capitoli della vita del club raccontati nel libro “Cento anni di ciclismo... e la corsa continua”. 416 le vittorie su strada, 88 nel ciclocross: due campionati del mondo, Francesco Chcchi (2002, dilettanti su strada) ed Enrico Franzoi (2003, under 23 ciclocross) oltre ai tre Giri d’Italia di Roberto Sgambelluri (1996), Raffaele Ferrara (2000) e Mattia Cattaneo (2011). Tante storie, tanti protagonisti nati in una fredda domenica di dicembre alla partenza di una ciclocampestre a Castelfranco quando Lazzaro Bortoletto, Giovanni Garatti e Francesco Zanchetta si presetarono ai nastri di partenza senza tessera. «Quale società rappresentate?» fu chiesto dagli organizzatori. «L’Unione Ciclisti Trevigiani» rispose per tutti Zanchetta. Da quella volta sono trascorsi 100 anni è la Trevigiani è diventata un simbolo del pedale nazionale. Dieci i presidenti (Antonio Pagnin, Ugo Marcati, Enrico Brunelli, Giuseppe e Carlo Garbuio, Carlo Amadio, Giuseppe Varetton, Narciso Sfoggia, Giovanni Pinarello e Remo Mosole) e un commissario (Luigi Manganotto) che si sono succeduti e un esercito di campioni che hanno scolpito la storia del ciclismo. E ieri c’è stata gloria per tutti. Dai vecchi campioni, Giovanni Pinarello, Aurelio Cestari, Pietro Zoppas Narciso Sfoggia alle stelle dei giorni nostri Alessandro Ballan e Franco Pellizotti. Hanno sfilato al fianco dei commissari tecnici Amadori e De Candido (Martini e Bettini assenti per malattia), gli iridati Longo, Argentin e Cappellotto. Per Ale Ballan è stata una delle prime uscite dopo il gravissimo incidente in allenamento in Spagna: «Ringrazio Mosole. Mi ha accolto nella sua squadra dopo un periodo difficile con un buon stipendio. Era morto mio padre ed avevo problemi alle ginocchia. Se ho vinto il mondiale e da 11 anni sono professionista, lo devo proprio a Mosole». Il tricolore Franco Pellizotti (esordio mercoledì al Giro del Mediterraneo, ndr) aggiunge: «Grazie a Mosole ho trovato moglie ed ho passato i quattro anni più belli nel ciclismo. Poi sono passato professionista e la bici è diventata un lavoro». Mosole racconta le beffa di Negrar, dove la vittoria viene assegnata a Cancellara proprio davanti a Franco in un fotofinish dubbio.

Strada, pista e ciclocross. Ma nella Uc Trevigiani c’è anche un capitolo riservato a l’unica donna tesserata nella storia del team che ha la sede a Porta San Tomaso: Angela Marchesin, di Spresiano, che lavorava a Treviso e si allenava percorrendo quattro volte al giorno il tragitto da casa.

Aurelio Cestari, presidente delle Vecchie Glorie del Triveneto, racconta che Gino Fregonese, mitico tuttofare, lo convinse a non lasciare il team per correre le Olimpiadi del 1956 con una medaglietta d’oro in regalo. Erano i tempi in cui gli atleti correvano con le maglie (di lana) usate. La storia è cambiata: ora il futuro è di una formazione di dilettanti élite e under 23 di 19 ragazzi

pronti a battere ogni record: quello dei dilettanti, però, è ancora detenuto da La Tiesse Spinazzè con 72 vittorie in una sola stagione.

Prossime tappe dei 100 anni il 16 febbraio per la passerella del team e il 17 marzo per la Popolarissima numero 98.

Sandro Bolognini

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro