Menu

GIRO D'ITALIA
La carovana rosa nella Marca
I corridori alla sfida del Grappa

La corsa approda sulle strade dei colli asolani con la

14/a tappa, Ferrara-Asolo, una delle più belle. Passaggi a Castelfranco, Riese, San Vito e Borso. Attesi 100mila appassionati per assistere all’ultima parte della gara. Numerose le iniziative di contorno. La protesta dei cittadini per i carotaggi sull'asfalto: "A rischio la sicurezza dei ciclisti"
ASOLO. Approda oggi sulle strade dei colli asolani la carovana rosa del Giro d’Italia. La tappa è la 14ª, Ferrara-Asolo. Attesi 100mila appassionati nella Marca per assistere all’ultima parte della gara.

Il percorso. Dopo il passaggio da Castelfranco, previsto per le 14.30, la corsa si dirige verso Vallà, per proseguire poi a Riese, San Vito e farà il suo primo passaggio nella città di Asolo attorno alle 15. Da lì i ciclisti proseguono verso Borso del Grappa per percorrere la salita del Monte Grappa. Passaggio al Gran Premio della Montagna (a quota 1.675) poco dopo le 16. Traguardo posto ad Asolo, in Viale Tiziano, dove il vincitore dovrebbe transitare alle 17.

Viabilità. Inevitabili per l’occasione le limitazioni stradali. A partire dalle 12 fino al passaggio della carovana in Piazza Giorgione a Castelfranco non si potrà parcheggiare. Dalle 8 fino alle 15.30 divieto di sosta in via Matteotti, via Roma, via Cazzaro e in via San Pio X verso Vallà. A Riese dalle 14 fino alle 17.30 chiusura al traffico in via Montegrappa, via Castellana e Kennedy e dalle ore 12 alle 17 divieto di sosta con rimozione forzata lungo la Castellana nel tratto compreso tra via Piave e via G.Sarto e nel tratto compreso tra via Giorgione e via Montegrappa. A Crespano divieto di accesso sulla provinciale 26 venti minuti prima del passaggio della carovana pubblicitaria. Il centro di Casella sarà chiuso addirittura dalle 5, dalle 8 stop al centro storico di Asolo. Dalla stessa ora anche divieto di sosta in via Forestuzzo, che dalle 12 sarà chiusa al traffico. Via Foresto del Casonetto, via Canova, strada Schiavonesca Marosticana e viale Tiziano chiuse dalle 12 alle 18.

Parcheggi. Per quelli che vogliono andare a gustarsi la corsa sui tornanti del Monte Grappa sono stati allestiti 1.200 posti auto e camper ubicati a: Campocroce, Valrossa nella strada laterale di Campocroce, sulla strada da Campocroce a Camposolagna dove vige anche il senso unico prima e dopo il passaggio del Giro. Ad Asolo i parcheggi sono stati allestiti nella zona industriale e commerciale, e nei pressi del campo da rugby. Un altro parcheggio è situato verso l’area camper dell’ex ospedale.

Iniziative. Numerose le manifestazioni in programma prima e dopo l’arrivo di tappa del Giro. Dalle 13 con partenza da Semonzo la carovana di Simone Temperato in arte 'magico Tempe', che tenterà di stabilire un record d’impennata sulla salita del Grappa. Sarà affiancato dai sostenitori del Monte Grappa Challenge che presenta 'La Grande Sfida CicloTuristica'. Dalle 15.30 alle 18.30 a Riese 14 associazioni sportive saranno a disposizione di tutti i bambini e delle loro famiglie per parlare di sport e fare prove pratiche. La voglia di festa si sposta sui colli asolani dove, nell’intervallo dei due passaggi (il primo verso le 15, il successivo alle 17), ci sarà la premiazione della vetrina in rosa più bella. Il vincitore è il negozio di abbigliamento Dani di Paola Dani e la cerimonia avrà luogo sul palco del Giro. Presso il Caffè Centrale dei Fratelli Botter la Cantina Dal Bello presenta una degustazione di vini, in particolare il nuovo Asolo Prosecco Docg Superiore Millesimato. La festa proseguirà all’osteria al Bacaro di Walter Zecchin dove 10 cantine faranno degustare il loro vino.

La protesta. Approfittando del Giro, l’amministrazione comunale ha provveduto a far eseguire dei lavori di manutenzione stradale. Giovedì Veneto Strade ha eseguito i lavori di asfaltatura e ogni 100 metri di strada hanno effettuato carotaggi che permettono di capire se il manto è stato steso bene. Da qui la protesta di alcuni cittadini e appassionati tifosi. "Sicuramente è un lavoro che andava fatto - contesta Enrico Grando, consigliere del Comitato Tappa - ma avrebbero potuto aspettare fino a lunedì, non cambia nulla, il sondaggio potevano farlo senza alcun problema e senza mettere a rischio l’arrivo dei ciclisti". Molta la preoccupazione se in caso di pioggia i fori dovessero sfaldarsi causando seri rischi alla sicurezza dei corridori. "Il nostro assessore allo sport Nico Basso - continua Grando - si è prodigato a far arrivare il Giro ed ora tra i pochi parcheggi, i troppi divieti di sosta e i fori sull’asfalto spero che vada tutto per il meglio".

I politici. Alla vigilia, il presidente della Regione, il trevigiano Luca Zaia, dice di aspettarsi la festa di centomila tifosi sulle strade della Marca e il presidente della Provincia Leonardo Muraro parla di "terra del ciclismo" e conclude: "Magari vince il trevigiano Matteo Tosatto".

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro