Menu

Nel terreno i farmaci scaduti, scoperta una discarica illegale in provincia di Treviso

I medicinali erano interrati insieme a rifiuti ospedalieri.

L'indagine è iniziata dal rinvenimento di una discarica abusiva in un'area dell'ospedale civile di Latisana (Udine). Il blitz dei carabinieri del comando tutela Nucleo Ecologico di Udine che stanno eseguendo arresti e perquisizioni tra Veneto e Friuli Venezia Giulia
Una organizzazione per delinquere che disperdeva medicinali scaduti di ospedali in terreni è stata sgominata dai carabinieri del comando tutela Nucleo Ecologico di Udine, che sta eseguendo dalle prime ore di oggi provvedimenti restrittivi e perquisizioni tra Veneto e Friuli.

I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal gip di Udine Alessio Verni su richiesta del Pm Viviana Del Tedesco nell'ambito di una inchiesta su un traffico illecito di rifiuti, falsità documentale e truffa ai danni della pubblica amministrazione.

Tra gli indagati figurano due funzionari dell'Arpa di Udine. L'operazione vede impegnati i carabinieri del gruppo tutela dell'ambiente di Treviso (Noe di Udine, Treviso e Venezia), con il supporto dei militari dell'arma dei comandi provinciali di Udine, Venezia e Treviso, che stanno sequestrando varie società e una decine di mezzi per il trasporto dei rifiuti.

L'indagine, denominata 'Parking Waste', è iniziata dal rinvenimento di una discarica abusiva di rifiuti speciali ospedalieri in un'area da adibire a parcheggio di pertinenza dell'ospedale civile di Latisana (Udine).

Gli accertamenti dei militari del Noe di Udine, che si sono serviti di intercettazioni telefoniche e strumentazione tecnica, hanno permesso di scoprire l'esistenza di un sodalizio criminoso che aveva smaltito circa 600 mila chili di rifiuti speciali costituiti da terreno frammisto a rifiuti ospedalieri, sotterrati in una discarica di inerti a Paderno del Grappa, in provincia di Treviso.

Contemporaneamente i carabinieri hanno accertato anche una illecita gestione di rifiuti provenienti dalla bonifica di un deposito di carburante di Gorizia. Rifiuti di amianto frammisto a terreno
sono stati scaricati illecitamente presso un centro di stoccaggio nella provincia di Trento, per essere poi inviati per il definitivo smaltimento presso impianti tedeschi. Gli indagati sono accusati di avere costituito una associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro