Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Si schianta con il papapendio
in un giardino di Semonzo

Oltre 400 metri a precipizio nel vuoto, con le mani legate nei fili di un paracadute impossibile da riaprire. E’ finito nel dramma, ieri, il volo in parapendio di una donna croata di 48 anni, Dvorka Mrsic, residente in Olanda. Decollata dal Grappa, è precipitata poco dopo nel giardino di una casa di Semonzo morendo sul colpo. Sconvolti gli altri membri del gruppo arrivato 2 giorni fa dall’Olanda.

Sono stati attimi terribili, con il silenzio del cielo rotto solo dal fruscio straziente del parapendio chiuso che precipitava nel vuoto. L’impatto al suolo è stato violentissimo e per la donna non c’è stato nulla da fare. Dvorka Mrsic si è schiantata nel giardino di una villetta in via Cenghi sotto gli occhi atterriti di alcuni testimoni. Inutile la folle corsa dei medici del Suem di Crespano allertati dagli abitanti della villetta dove era caduta la donna. Arrivati sul posto in soli 4 minu ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Sono stati attimi terribili, con il silenzio del cielo rotto solo dal fruscio straziente del parapendio chiuso che precipitava nel vuoto. L’impatto al suolo è stato violentissimo e per la donna non c’è stato nulla da fare. Dvorka Mrsic si è schiantata nel giardino di una villetta in via Cenghi sotto gli occhi atterriti di alcuni testimoni. Inutile la folle corsa dei medici del Suem di Crespano allertati dagli abitanti della villetta dove era caduta la donna. Arrivati sul posto in soli 4 minuti, non hanno potuto far altro che constatare il decesso della signora e cercare di contattare i suoi connazionali. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri di Castelfranco Veneto che hanno contattato gli amici olandesi e cercato di raggiungere i familiari della donna per comunicare l’accaduto. L’olandese era arrivata ieri con una comitiva di appassionati del parapendio direttamente da Amsterdam, dove viveva da alcuni anni. Come tutti, aveva fatto campo base al camping Santa Felicita di Borso del Grappa, mèta tipica degli appassionati del volo a vela, dove la notizia della sua morte è arrivata fulminea. Ad assistere al dramma altri due connazionali decollati dal Grappa con la donna. Dopo i rilievi, la salma è stata trasportata all’ospedale di Montebelluna dove rimarrà fino al trasferimento nei Paesi Bassi.